Al fine di migliorare la Sua navigazione, La informiamo che questo sito fa uso di Cookies. Per maggiori informazioni leggere l'informativa sui cookies e la nostra privacy policy.

Continuando la navigazione, si considera accettato l’utilizzo dei cookies.

Mail icon  Visita la nostra pagina su FACEBOOK

Si pensa che con un pennello in mano il bambino impari a disegnare.

Ma nel Closlieu, con un pennello in mano, il bambino impara a essere.

Arno Stern

Lo scopo de Il Rifugio della Traccia

Quando si pensa ad una produzione grafica - disegnata o dipinta che sia - automaticamente siamo portati a chiederci il valore comunicativo che essa contiene. Questa logica comunicativa legata al disegno si ingigantisce ancora di più quando il prodotto grafico è quello di un bambino: l'adulto senza nessuna discrezione vuole capire, indagare, farsi spiegare - "Cos'è questo"? "Cosa hai disegnato"? -. Quando si elimina dal tracciare la finalità estetico-artistica e comunicativa, quel che emerge è un'altra manifestazione dell'essere umano ed è l'ESPRESSIONE DELLA MEMORIA CELLULARE, DI CIO' CHE IL NOSTRO CORPO REGISTRA DALLA SUA FORMAZIONE ORGANICA, DALLA VITA EMBRIONALE IN POI. E questo è davvero fantastico quasi a non sembrare vero!

SAM 0341La considerazione errata che si ha oggi dell'atto del tracciare (atto che un individuo ha da quando sà impugnare una matita e lascia un segno su un foglio) ostacola a tal punto l'innata capacità di esprimersi da far sentire tale traccia, in particolare quella infantile, inutile e rende la produzione grafica di importanza marginale.

I bambini dai due ai cinque anni vengono considerati incapaci di creare e di tracciare, e ciò viene considerato "normale perchè piccoli", e la loro traccia viene definita dai "grandi" uno scarbocchio. Quelli invece di età maggiore sono solitamente indirizzati ad una produzione grafica che è legata alla "copia dal vero", ad una traccia che deve essere giudicata:" ... il tetto della casa si disegna così...., il camino deve essere dritto e non obliquo, ma non hai visto i camini sopra le case come sono?" e da quì inizia una produzione grafica che non è più personale e non ci rendiamo conto (sicuramente pensando di aiutare il bambino "insegnandogli a disegnare") di ostacolare quella capacità creativa, che ha da sempre contraddistinto l'essere umano, sino a farla morire, creando in noi una traccia che mentre la si realizza rende insicuri sulle proprie capacità, una traccia uguale a milioni di altre tracce, una traccia artificiale.
La visione che si ha nell'atelier di tutto ciò è completamente diversa; in esso nasce la consapevolezza che le cose non stanno così. E' importante far sapere a tutti i genitori che per i loro figli è fondamentale esprimere la propria personale creatività per poter crescere con equilibrio e secondo i propri ritmi, ma perchè ciò possa avvenire è indispensabile che avvenga in un luogo protetto dai giudizi, dalla competizione e da parametri valutativi.

Giocando con le forme e i colori si scoprirà, con il tempo e la regolarità, il piacere e la certezza di saper fare e poter riuscire. Se per qualche motivo nei primi anni di vita non siamo stati liberi di esprimere la nostra creatività perché condizionati dal giudizio dei "grandi", non saremo adulti pienamente realizzati. 
Conosco molto bene il valore comunicativo legato alla traccia grazie ai miei studi in architettura (al rigore che bisogna tenere nel tracciarla perchè sia corretta) e alla mia passione per la pittura intesa come arte (che deve comunicare), due ambiti che amo e che rispetto, e proprio per questo ci tengo che si sappia che esiste ancora un'altra traccia che bisogna far emergere ancora prima delle suddette.
Ricordo quando al corso pre-parto mi è stato spiegato che al neonato nessuno deve spiegare come attaccarsi al seno materno per mangiare è un atto innato. Così è per l'atto del tracciare. Esso è innato in noi, è nella nostra memoria organica, e come tale non bisogna ostacolarlo (con giudizi, competizione, con indicazioni sul cosa tracciare o con l'interpretazione della traccia stessa) se lasciato libero ci permette dinutrirci di fiducia in sé stessi, di realizzazione personale, dà sicurezza perchè è un atto che sgorga senza inibizioni all'interno di un gruppo eterogeneo di individui: di ogni età ("bambini senza età" come li chiama Arno Stern fondatore geniale di tale esperienza), condizione sociale, etnia.

La personalità di ciascuno di noi si sviluppa fino ad una dimensione impensata....….L'attività nel Closlieu non é una terapia, ma é preventiva perchè stimola capacità che permettono all'individuo di realizzarsi. Essa sviluppa precisamente attitudini che la cultura ha soffocato e fa di ciascun essere, qualunque sia il momento in cui si dedica alla Formulazione, una persona più completa.
Arno Stern

Nel Closlieu si creano le condizioni e l'atmosfera che favoriscono l'atto spontaneo del tracciare, un tracciare che diventa un gioco personale che è seguito, vigilato e facilitato dalla mia presenza, una Praticien che non giudica, non interpreta, ma che conosce molto bene la Formulazione che è in ciascuno di noi, nella nostra memoria organica, ed è al servizio della traccia stessa, per farla emergere.

Il Rifugio della traccia si rivolge a tutti: adulti, bambini e ragazzi a partire dai quattro anni che intendano arricchirsi attraverso la pratica del gioco del dipingere in un luogo privilegiato. I partecipanti più "piccoli" nell'atelier sentono di possedere abilità al pari dei più "grandi" perché quello che producono non sono mai "scarabocchi", ma la Formulazione di un'espressione organica di enorme valenza formatrice. L'ambiente raccolto dell'atelier permette alle persone più timide di aprirsi e sentirsi a proprio agio. Il bambino lavorando all'atelier costruisce qualcosa, termina la seduta con una sensazione di completa soddisfazione perché è cosciente di aver fatto il massimo di cui è capace.

Paola Vidotto